Mangiare e bere

Category Archive Mangiare e bere

“Un passo dal cielo” nella splendida location del Cadore

Lago di Mosigo, San Vito di Cadore

Sono cominciate proprio in questi giorni e dureranno fino a settembre, le riprese della Fiction di Rai 1 “Un passo dal cielo” che, per la sua 6’ edizione, sceglie la meravigliosa e affascinante location del Cadore.

Il primo ciak sarà sul Lago di Mosigo, incantevole lago circondato  da un fitto bosco di pini e abeti, area definita “polmone verde” perchè si tratta di un sito di alta qualificazione naturalistica, abitata da molte specie di animali selvatici e frequentata dagli uccelli al passo.

Questo meraviglioso specchio d’acqua è una cornice perfetta al paesaggio che si può ammirare dal fondovalle mentre la Croda Marcorà e l’Antelao, visibili da qui, mostrano tutta la loro straordinaria bellezza.

Le riprese di “Un passo dal cielo” rappresentano un’importante opportunità per il territorio: prima grande produzione ad arrivare in Veneto dopo il lockdown, segnale molto positivo di una ripresa, non solo dal punto di vista cinematografico ma anche produttivo ed economico di tutta la regione. Una ripresa anche nel settore turistico, settore che fa ancora molta fatica a ripartire in Italia, soprattutto nelle città d’arte.

A fare da cornice alle vicende e ai casi del comandante della Guardia Forestale Francesco Neri (Daniele Liotti) alcuni tra i più suggestivi luoghi della regione Veneto: dal Lago di San Vito alle strade di Padola nel Comelico Superiore, passando per Cortina d’Ampezzo e i paesaggi meravigliosi del comune di Auronzo di Cadore, come il Monte Piana, il lago Antorno e il lago di Misurina.

Fermento, curiosità e un motivo in più per visitare questa zona del Veneto che in questo periodo dell’anno offre un paesaggio mozzafiato e moltissime attività da svolgere all’area aperta e a contatto con la natura.

Ideale location per un viaggio in solitaria, per un weekend romantico e di totale relax, per le famiglie e gruppi di amici.

Le attività sono davvero tantissime e le lunghe giornate si arricchiscono di aria fresca e pulita, di panorami da cartolina, di scoperte enogastronomiche, di tempi lenti che seguono la luce del sole.

Vista dall’appartamento “The Mountain View IN San Vito di Cadore”

Parco Naturale presso Park Des Dolomites, Borca di Cadore

San Vito di Cadore

Tags, , ,

Passeggiata in vespa tra le “Città del Tufo” di Pitigliano, Sorano e Sovana

Vespa Tour tra i Borghi medievali e rinascimentali della Maremma

L’appuntamento è verso le 11 per un fresco aperitivo a casa di Fabrizio, vespista DOC, alle porte di Pitigliano, sotto il portico della sua casa in campagna.

Vespa Club Orvieto presente ma anche qualche vespista del Vespa Club Pistoia e persino Vespa Club Catania, tutti pronti per un meraviglioso tour tra le “Città del Tufo” di Pitigliano, Sorano e Sovana, borghi medievali e rinascimentali incastonati nella pietra caratteristica della zona, il tufo appunto.

 

Passeggiare in vespa tra le strade della Maremma è un continuo guardarsi attorno tra le distese di coltivazione di vigneti e il profumo di un ottimo vino che a breve degusterai, distese di girasole, incantevoli casali immersi tra i cipressi.

Dopo un breve e piacevole percorso, la prima tappa è Sorano, piccolo borgo di origine etrusca, nel Medioevo appartenuto poi alla famiglia degli Aldobrandeschi che lo cinse di mura, successivamente fu della famiglia romana degli Orsini e infine venne inglobato nel Granducato di Toscana. Sorano, terza città del tufo della provincia di Grosseto, si trova alle pendici del Monte Elmo ed è uno dei punti di riferimento del Parco Archeologico e Naturalistico inaugurato nel 1998 che comprende tre aree di grande interesse storico che si estendono in una superficie di 60 ettari.

L’imponente Fortezza Orsini, costruita dagli Aldobrandeschi nel XII secolo, meriterebbe una visita all’interno ma noi procediamo per i vicoli del borgo, in sella alle nostre vespe, ammirando le costruzioni di tufo di abitazioni ben ordinate e curate, adornate di fiori.

Meriterebbe un percorso a piedi la Necropoli etrusca di San Rocco che si trova lungo la strada provinciale in direzione di Sovana, ad un paio di chilometri dal centro abitato di Sorano, ricca di pareti scolpite e di incisioni medievali.

Del Parco Archeologico Città del Tufo fa parte anche Sovana, borgo medievale perfettamente conservatosi nei secoli. Apparentemente isolato dal resto della città perché caratterizzato da stili architettonici differenti, dal longobardo al gotico, in contrasto con lo stile architettonico circostante,  il Duomo di Sovana si trova sul lato occidentale dello sperone di tufo che domina la vallata della necropoli ed è uno degli esempi di arte cristiana più significativi e particolari presenti nella valle del Fiora.

Per il nostro pranzo raggiungiamo “Sovanella”, Agriturismo gestito dalla proprietaria Alessia, ottima cuoca di una cucina tipica locale. Nel mio menù (vegetariano) della Maremma non possono mai mancare i “pici all’aglione”, tipico piatto della tradizione contadina che, diffuso dalla Val di Chiana a tutta la Toscana, rappresenta la cucina genuina e dai sapori decisi. I pici sono un tipo di pasta fatta di farina e acqua dalla forma allungata, quasi  come spaghettoni, lunghi una trentina di centimetri e larghi come un bucatino, tipici della zona di Siena ma diffusi in tutta la Toscana. Di solito si condiscono con il sugo all’aglione, fatto con un tipo di aglio dalla forma più grande del più comune aglio e dal sapore meno forte e più gentile.

Un caffè per riprenderci dall’abbondante e gustosissimo pranzo e di nuovo in sella alle nostre vespe direzione Pitigliano.

Da lontano percorrendo la strada da Sovana si ammira Pitigliano in cima allo sperone di tufo e il suo splendido profilo di archi dell’acquedotto mediceo, fatto costruire nel 1600.

Soprannominata anche la “Piccola Gerusalemme”, Pitigliano fu sede di un’importante comunità ebraica che andò consolidandosi durante il 1500 fino a divenire una presenza estremamente significativa nella vita economica e politica del paese e nel 1800 fu definito per la prima volta la “Piccola Gerusalemme”. I primi gruppi di ebrei che giunsero a Pitigliano provenivano dalle vicine città che all’epoca erano sotto il controllo dello Stato della Chiesa. Perseguitati per anni questi uomini e donne trovarono protezione all’interno della contea ursinea dove svilupparono importanti attività economiche quali il commercio del grano. Nel 1598 venne eretta la sinagoga simbolo per l’eccellenza dell’importanza che ha assunto questa collettività in questo luogo. La prima metà del XIX secolo fu il periodo più fiorente per la popolazione ebraica che raggiunse la sua massima legittimazione dotandosi di importanti istituzioni come la Scuola di Mutuo Insegnamento e la biblioteca. Il declino fisiologico di questa aggregazione iniziò con l’unità di d’Italia con un progressivo spopolamento dell’area e la migrazione verso centri più grandi e ricchi. La lenta e continua migrazione proseguì fino al 1938 quando gli ebrei colpiti dalle leggi razziali abbandonarono definitivamente il paese.  Le vicende subite da questo popolo sono tutt’oggi parte integrante della memoria collettiva di Pitigliano e incarnata nel ghetto ebraico all’interno del quale si trovano le abitazioni e le botteghe simbolo del loro passaggio in questa terra.

All’ingresso del borgo la Fortezza Orsini, di origine aldobrandesca, si affaccia sui ripidi strapiombi della vallata grazie ai quali la città è stata perfettamente protetta nei secoli.  Anche qui Palazzo Orsini, una volta ugualmente appartenuto agli Aldobrandeschi, è l’edificio più importante, oggi sede di vari musei. Anche la Cattedrale dei SS. Pietro e Paolo merita una visita dopo aver attraversato il Ghetto Ebraico, tra vicoli ben curati e artigiani di prodotti locali.

Un itinerario alternativo e bellissimo per visitare le Città del Tufo di Sorano, Sovana e Pitigliano è anche attraverso la Vie Cave che unisce i tre borghi, un piacevole percorso tra antichità, storia e natura.

Un tour che meriterebbe molto più tempo a disposizione e molta più attenzione alle numerose ricchezze storiche e archeologiche da visitare e ammirare, quindi suggerisco di soffermarvi qualche giorno in questa meravigliosa zona della Maremma per poter godere del relax e delle bellezze che il territorio offre, come le vicine Terme di Saturnia.

Il nostro “Vespa Tour” si conclude con un fresco calice di vino bianco, rigorosamente locale, sotto il portico della casa di Fabrizio, ammirando il sole che tramonta su una distesa di vigneti.

 

Tags, , , , , , , ,

Imprevedibile e creativo Esquilino: a passi di Tango al Gatsby Cafè

Capita, in una calda sera di fine luglio, di passeggiare per le strade dell’Esquilino e trovare chi volteggia armoniosamente a passi di tango, sotto gli archi di Piazza Vittorio. Accade al Gatsby Cafè, dove un tempo sorgeva l’antica cappelleria Venturini. Un particolare bistrot in stile nord europeo, ricavato dalla storica cappelleria, di cui manterrà lo stile anni ’50.

L’idea è nata dall’amore per il quartiere di Luca Della Valle, fotografo professionista, e da Gianluca Giordano, ingegnere e imprenditore, che hanno deciso di recuperare un angolo della piazza per creare un punto di incontro per tutta la zona.

Una sfida importante, per un quartiere che nell’ultimo decennio sembrava aver perso una sua identità.

Il nome Gatsby è quello di un famoso cappello, oltre a ricordare il romanzo di Francis Scott Fitzgeral: intorno allo stile retrò si sviluppa il design del locale che non vuole dimenticare la sua storia e le sue origini: per questo la ristrutturazione ha voluto comunque mantenere fedeltà alla sua storia e all’interno si continueranno a vendere cappelli, grazie anche alla collaborazione dello stilista londinese che produce i Dasmarca.

Il bistrot è aperto dalle 7 fino a sera inoltrata. 

Ottime colazioni con torte, muffins e yogurt con marmellate e cereali, poi il pranzo con panini gourmet e classici, insalate, bagel e piatti del giorno. L’aperitivo ha un tocco internazionale, con la scelta della formula tapas, vegetariane, vegan e non, per continuare con taglieri di salumi e formaggi laziali. Il sabato e la domenica è previsto il brunch. Tutte le proposte gastronomiche sono ben curate e studiate per mantenere alta l’attenzione sulla qualità degli ingredienti, nel rispetto della variegata identità multietnica di sapori che caratterizza il quartiere dell’Esquilino.

I cocktail alcolici puntano invece alle specialità alchemiche, ispirandosi alla tradizione esoterica dell’Esquilino.

Il locale si sviluppa su tre piani: un laboratorio a vista al primo piano, un salotto che ospita varie attività a tema e una terrazza interna.

Il progetto e l’impresa non facile di riappropriarsi di uno spazio dalle grandi potenzialità e di ridare la giusta identità ad un quartiere per anni dimenticato, restituisce la voglia di viverlo agli abitanti del quartiere e di improvvisare, perché no, qualche passo di tango!

 

Gatsby Cafè Roma, Piazza Vittorio Emanuele 106, Roma. Tel. 3470991327

Tags, , , , , ,